mercoledì 19 aprile 2017

Il castello di mercoledì 19 aprile





PERLOZ (AO) - Castello dei Valleise

E' il più antico dei castelli presenti nel comune di Perloz. Sorge al centro del capoluogo a dominare la Valle del Lys. In patois perlois viene chiamato anche Ohtàl, nome che deriverebbe o dal latino hospitalis o dall'antico francese ostel. La presenza di una sala domini nel capoluogo di Perloz è già attestata in un documento del 1195. Il castello dei Vallaise, come il vicino castello Charles (http://castelliere.blogspot.it/2011/11/il-castello-di-mercoledi-9-novembre.html), appartenne all'antica famiglia valdostana dei Vallaise, che possedeva varie terre tra Perloz, Fontainemore e Lillianes, e anche il castello inferiore di Arnad. La famiglia, che aveva come centro di potere Perloz, prese il nome proprio dal torrente della zona: il Lys un tempo era chiamato Hellex in latino, e i signori delle terre del Lys erano i signori delle Vallis Hellesii, da cui Vallaise. Abbiamo poche informazioni sul castello e la vita quotidiana dei castellani nel medioevo. Probabilmente tra la fine del XIV e i primi del XV secolo si sono svolti alcuni interventi architettonici. Il 30 giugno 1944, durante un rastrellamento, il castello e un centinaio di case del paese vennero incendiate dai nazi-fascisti. Oggi ciò che restava del borgo, e il castello con esso, è stato ristrutturato. Il castello si presenta come un edificio massiccio di quattro piani di cui restano i soli muri perimetrali. Le sue imponenti dimensioni dovevano avere anche un significato politico: la casa-forte doveva infatti colpire lo sguardo di quanti risalivano la Valle del Lys, dando prova della potenza della Famiglia Vallaise. Il complesso è stato ripreso e rimaneggiato in momenti successivi, anche con campagne di restauro decise, come dimostrano varie tracce nel muro perimetrale. Ad esempio, una finestra a crociera decorata con le insegne dei Vallaise e degli Challant e risalente a poco prima del 1477, realizzata per la celebrazione del matrimonio tra Pietro Vallaise de la Côte e Antonia, figlia di Guglielmo di Challant - Villarsel, venne asportata nei secoli scorsi dal castello dei Vallaise e rimontata sulla facciata del castello Charles, dove si trova tuttora. La facciata a valle che sovrasta chi giunge in paese dalla strada principale è imponente: di 16 m di larghezza e alta 15 m, oggi si presenta come facciata principale, ma in origine essa era la facciata posteriore del castello, quella rivolta a valle. Su di essa fanno bella mostra varie finestre realizzate in pietra lavorata, di diverse forme: la bifora ad arco a tutto sesto si affianca a quella trilobata e alle finestre a crociera. Il tetto è stato ricostruito nel Novecento a seguito delle devastazioni della seconda guerra mondiale, durante le quali sono andati perduti sia gli arredi interni che i vari piani, costruiti in legno. Com'era consuetudine, all'interno delle mura si trovava un pozzo per l'approvvigionamento dell'acqua. Degli interni non resta nulla, devastati dall'incendio: si conservano solo i resti di due camini monumentali, uno dei quali è in discrete condizioni ed è adornato dallo stemma dei Vallaise, scolpito nella pietra grigia. Altri link sull'argomento: http://www.icastelli.it/it/valle-daosta/aosta/perloz/castello-dei-vallaise, http://www.4communes.it/web/monumenti-perloz/32-castello-vallaise-perloz  

Fonti: https://it.wikipedia.org/wiki/Castello_dei_Vallaise, http://www.lovevda.it/it/banca-dati/8/castelli-e-torri/perloz/castello-dei-vallaise/1115

Foto: la prima è presa da http://www.comune.perloz.ao.it/ComSchedaTem.asp?Id=36838, la seconda è presa da http://mapio.net/o/3032418/

Nessun commento: